Il gioco del destino e della fantasia

Il gioco del destino

Titolo originale: Gūzen to sōzō

Tre diverse storie condividono temi comuni. Nella prima, Meiko si rende conto che l'uomo di cui la sua migliore amica le ha parlato è il suo ex fidanzato. Nella seconda, uno studente che non è riuscito a terminare gli studi complotta per rovinare la reputazione dell'insegnante che ritiene colpevole del suo fallimento. Nella terza, una donna incontra un'ex compagna di classe e le due possono finalmente condividere quei sentimenti che hanno a lungo custodito nel loro cuore. All’origine ci sono tre racconti dello stesso regista, Ryusuke Hamaguchi, ma il fantasma che si muove tra quei personaggi è quello di Cechov (che diventerà centrale nel successivo film del regista, Drive My Car, applaudito a Cannes), quel suo sguardo malinconico e distaccato capace di scolpire in maniera indelebile i palpiti e le esitazioni di tanta gente comune. Come sono appunto le protagoniste de Il gioco del destino e della fantasia, Orso d'argento, Gran Premio della Giuria, al Festival di Berlino 2021.