Otto e mezzo

otto e mezzo 9 fellini

Guido, un regista in crisi di ispirazione diviso tra la moglie borghese e l'amante sensuale e positiva, riassume la propria esistenza nella cornice irreale di una stazione termale: la casa romagnola dell'infanzia, l'innocente scoperta della femminilità, la repressione nel collegio cattolico; e ancora incubi, sogni di megalomania, di purezza, di fuga. Finale sul set del film da fare, con musica da circo e la passerella dei personaggi. Autobiografia immaginaria, visivamente straordinaria, che, con apparente svagatezza, va a fondo in temi ultimi come l'Arte, la Memoria e la Morte. Due Oscar: Costumi a Piero Gherardi e  Miglior Film Straniero.

Link IMDB