I Vitelloni

vitelloni banner

La vita quotidiana di cinque perditempo in una città di provincia, Rimini, che l'inverno rende ancora più desolata: Moraldo, il più sensibile e il più vicino autobiograficamente a Fellini, finirà per andarsene; il burlone Alberto, al termine di un veglione di carnevale, capisce che dovrebbe cambiare, ma non ne ha la forza; Fausto, il bello della compagnia, si sposa, tenta delle scappatelle, ma finisce con l'imborghesirsi; restano le patetiche aspirazioni artistiche del cantante Riccardo e dello scrittore Leopoldo, vittima della avances di un capocomico. Il rimpianto del tempo perduto e lo spaccato, affettuoso e critico al tempo stesso, di un mondo stagnante, in quello che è stato giudicato il film più sincero di Fellini. Felicissima la vena narrativa, anche se vi sono già chiare anticipazioni del barocchismo dei film futuri: basti pensare alla fine del carnevale, o alla tentata seduzione di Leopoldo sullo sfondo del mare in tempesta. Leone d' argento a Venezia. Alberto Sordi è passato alla storia per la scena in cui si prende beffe di un gruppo di operai mattinieri con l'italico gesto dell'ombrello seguito da una pernacchia.

Link IMDB

Copertina FB Io resto in sala